© 2017 Federico Mascia - cagliariosteopata.com - cagliariosteopata.it - osteopatavillasimius.it

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
La Storia dell'Osteopatia

Andrew Taylor Still

 

L’osteopatia nasce alla fine del 1800, fu il dott. Andrew Taylor Still a “ scoprirla” e dargli un nome affermando:

 

"Non ritengo esser l'autore di questa scienza, nessuna mano umana ne ha disposto le sue leggi; non chiedo onore più grande che averla scoperta”

 

“I principi meccanici su cui l'Osteopatia si basa sono vecchi quanto l’universo.”

 

Still dunque ritiene sin da subito che l’osteopatia sia una scienza in quanto basata su parecchi anni di studi di anatomia praticati tramite dissezione di cadaveri.

 

Figlio di un chirurgo, soprì presto che al fine di ottenere la più alta forma di salute possibile, tutte le parti del corpo devono lavorare insieme in armonia. Il suo obiettivo era di ripristinare il corpo per una salute ottimale riducendo al minimo la chirurgia e l’uso di medicinali, influenzato in parte dalla consapevolezza che trattamenti medici di quel tempo erano altamente inefficace e in alcuni casi, dannosi.

 

Nel corso del tempo, durante il quale trattò i pazienti con una vasta gamma di condizioni, da dissenteria a sciatica ad artrite, con risultati variabili, guadagnò una reputazione come un professionista efficace. I pazienti provenienti da tutta l'America accorsero a Kirksville per beneficiare dei suoi trattamenti.

Ben presto la domanda fù così alta che vennero costruite pensioni e modificate tratte ferroviarie per soddisfare le esigenze di tutti.

Nel 1892, 22 studenti di osteopatia presso furono accolti nella Scuola Americana di Osteopatia (conosciuta come il Kirksville College of Osteopathic Medicine). La prima classe di uomini e donne (simbolico il forte senso del liberalismo) furono impartiti insegnamenti  per un periodo di due anni, e comprendevano l'istruzione in modo approfondito della fisiologia e dell’anatomia e della dovuta pratica.

Still  formulò un concetto teorico di osteopatia che  potesse essere allargato in questi troviamo tutte le nozioni basilari per i nostri trattamenti osteopatici attuali. 

Nei suoi lavori vengono sviluppati i fondamenti dell’osteopatia.

Da allora gli studenti e le generazioni successive continuano a mettere in pratica le sue riflessioni che descrivono in maniera precisa le relazioni anatomiche, fisiologiche e biomeccaniche. Still non faceva una distinzione tra osteopatia strutturale e viscerale, e anche il sistema craniosacrale non viene nominato nei suoi scritti. 

Consideriamo l’evoluzione dell’osteopatia fino a oggi come uno sviluppo delle idee di Andrew Taylor Still, che ha elaborato lo schema di base e il concetto di osteopatia e che ha formato la prima generazione di allievi.

 

John Martin Littlejohn

 

John Martin Littlejohn, figlio di un pastore, è nato a Glasgow il 15 febbraio 1865.

John Martin era un giovane uomo malato, ma molto intelligente e avido di sapere, questo lo portò a studiare le lingue a Coleraine Academy in Irlanda del Nord quando aveva solo 16 anni. 

Dopo aver completato gli studi di teologia presso l'Università di Glasgow, si recò in Irlanda del Nord come un parroco nel 1886, ma tornò poco dopo a Glasgow dove continuò a studiare e ben presto superò gli esami e ricevette premi in diritto, teologia, medicina, filosofia e sociologia.

Poco dopo iniziò a insegnare all’università di Glasgow

Il clima rigido e la sua salute cagionevole lo costrinsero a cambiare clima ponendo fine al sogno di una splendida carriera universitaria.

Nel 1892, emigrò in America con i suoi fratelli Giacomo e William e continuò i suoi studi alla Columbia University di New York. A causa dei suoi successi eccezionali, presto divenne capo del College Springs, Iowa. 

Tuttavia, i suoi sintomi non migliorano e questo lo portò al suo incontro fatale nel 1895 a Kirksville con il Dr. Still.

Un singolo trattamento portò ad un marcato miglioramento.

In quegl’anni Still ebbe bisogno di insegnanti qualificati per la sua scuola americana di Osteopatia dopo la sua fondazione nel 1892, offrì quindi a  Littlejohn la carica di insegnante di fisiologia. Littlejohn, profondamente colpito dal  concetto naturale dell’osteopatia e accettò l'offerta. 

Iniziò a lavorare nel 1897, registrato prima come studente, un anno dopo e divenne decano della scuola.

In seguito a dei disaccordi con alcuni seguaci di A.T. di Still sul ruolo della fisiologia all'interno  dell’osteopatia, fu sollevato dal suo ruolo  e si è trasferì a Chicago insieme ai suoi fratelli, dove fondò il Chicago College of Osteopathy nel 1900.

L’insegnamento della fisiologia fu al centro del progetto formativo di questa scuola.

La scuola fiorì, nonostante l'atteggiamento critico e conservatore dell’American Osteopathic Association e sviluppò una delle più importanti fonti scientifiche dell'osteopatia. A causa della comparsa di cambiamenti politici (rapporto Flexner) J Martin Littlejohn tornò in Gran Bretagna con la sua famiglia nel 1913, dove ha lavorò in diversi ospedali, fino a quando contribuì a fondare la British School of Osteopathy (BSO) e il Journal of Osteopathy nel 1917, contribuendo quindi a gettare le basi per l'osteopatia in Europa.

 

William Garner Sutherland

 

Nato nelle zone rurali Portage County, Wisconsin, come Still, Sutherland è stato permanentemente influenzato dal carattere semplice e agricola della vita nel Midwest. 

Sutherland  guadagnò il suo primo denaro come lavorando in un giornale. 

Ben presto si dimostrò meritevole e  fu promosso. 

Nel 1893, si recò a Fayette, Iowa, per partecipare alla Upper Iowa University. 

Poi tornò al giornale  diventò l'editore del Daily Herald di Austin, Minnesota. 

Mentre in questa posizione nel 1898, sentì parlare del dottor Still e dell’osteopatia. 

Nello stesso anno, si iscrisse all'American School of Osteopathy e ha completò la sua formazione nel 1900. 

Verso la fine della sua formazione, il giovane Sutherland guardò  le suture delle singole ossa in un cranio disarticolato e pensò: "Questo appare come le branchie di un pesce". cominciò quindi a pensare a un movimento di respirazione del cranio (PRM)

Nel corso dei decenni successivi, ha tentò di confutare la sua ipotesi usando esperimenti su se stesso.

Dato che questi non ebbero successo, trasferì il concetto di osteopatia tradizionale alle ossa del cranio sviluppando tecniche avanzate ed estremamente sottili, fondando così il concetto di osteopatia cranica. 

Va ricordato, inoltre, che Charlotte Weaver DO, che aveva anche lei studiato presso l'ASO (1912), aveva già pubblicato alcuni articoli importanti sulla motilità del cranio  prima del lavoro di Sutherland, The Cranial Bowl (1939).

All'inizio del 1930 usò il Minnesota Osteopathic Journal come un forum per spiegare per la prima volta le idee di base della sua concezione, che ancora non comprendono PRM. 

Le reazioni alla sua pubblicazione furono differenti dal rifiuto veemente all’incoraggiamento per effettuare ulteriori ricerche in questo settore. 

A causa del crescente interesse di un piccolo gruppo di osteopati, nel 1939 Sutherland pubblicò il  libro “The Cranial Bowl", in cui riassume i risultati di 40 anni di ricerca.

Sutherland continuò ad approfondire gli studi di osteopatia cranica. 

Nel 1940 sorprese i suoi colleghi di nuovo con una novità rivoluzionaria: Inizialmente in modo sobrio, ma poi sempre più apertamente, ha iniziato a spiegare i termini "luce liquida", "potenza" e "meccanismo respiratorio primario" (PRM) nei suoi seminari, nel contesto della nota espressione biblica, "il respiro della vita". 

A questo proposito, fu probabilmente influenzato dal filosofo americano e artista Walter Russell, proprio come ancora a suo tempo fu influenzato dal filosofo inglese Herbert Spencer. 

In questo contesto, Sutherland dichiarò più volte e con forza che l'osteopatia craniosacrale dovrebbe essere considerata come parte integrante di osteopatia tradizionale e non era in nessun caso da vedere come una forma autonoma di trattamento. 

Sutherland è morto nel 1954 come uno dei membri più rispettati della sua professione. 

L’Osteopatia craniosacrale è considerato come uno dei principali pilastri della osteopatia, anche se PRM non è ancora stata dimostrata.

 

 

 

Text References

Medicine Net.Com (2012) ‘Definition of Allopathic medicine’ <http://www.medterms.com/script/main/art.asp?articlekey=33612>

[date accessed 21/07/2014]

London Bridge Osteopaths (2013), ‘History of osteopathy’ <http://www.londonbridgeosteopaths.co.uk/page12.htm>

[date accessed 17/07/2014]

References

Mark E. Rosen DO FCA (2008), ‘Andrew Taylor Still MD’ <http://www.osteodoc.com/ATStill.htm> [date accessed 17/07/2014]

London Bridge Osteopaths (2013), ‘History of osteopathy’ <http://www.londonbridgeosteopaths.co.uk/page12.htm>

[date accessed 17/07/2014]

European Federation of Osteopaths (2009-2010), ‘History of Osteopathy’ http://www.efo.eu/portal/index.php?option=com_content&view=article&id=68&Itemid=74 [date accessed 18/07/2014]

General Osteopathic Council (unknown), ‘Training courses’ <http://www.osteopathy.org.uk/practice/becoming-an-osteopath/training-courses/>

[date accessed 18/07/2014]

Core Physiatry (2014), ‘A History of Osteopathy’ <http://www.chiropractorswarwick.co.uk/index.php/about-chiropractors-warwick/a-history-of-neuromusculoskeletal-healthcare/a-history-of-osteopathy/>

[date accessed 18/07/2014]

Medicine Net.Com (2012) ‘Definition of Allopathic medicine’ <http://www.medterms.com/script/main/art.asp?articlekey=33612>

[date accessed 21/07/2014]

London College of Osteopathic Medicine (unknown), ‘About LCOM; Our History’ <http://www.medterms.com/script/main/art.asp?articlekey=33612>

[date accessed 21/07/2014]

National Osteopathic Archive (unknown), ‘Image’ <http://www.noa.ac.uk>[date accessed 21/07/2014]

Torna Indietro